1 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
2 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
3 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
4 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
5 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
6 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
7 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
8 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
9 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
10 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
11 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
12 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options
13 / 13 prev / next pause play enlarge slideshow
Options

Madonna Incoronata 2012

Alla C.da Cappelle, Santuario della Madonna Incoronata di San Bartolomeo in Galdo BN Italy, dal 27 al 29 Aprile 2012.
La venerazione della Vergine Santissima dell'Incoronata ha antichissime origini ed un preciso protocollo che viene seguito in questi giorni di preghiera.

Cenni Storici
La chiesetta dell’Incoronata
La chiesetta dell’Incoronata è una cappella rurale edificata nel 1761 dal Sacerdote Don Nicola Reino nella zona dell’Incoronata, a cinque chilometri dal paese, a nord-est dello stesso. Il fondatore assegnava un patrimonio per la manutenzione e spese di culto. Vi esercitarono, in seguito, il diritto patronale i suoi eredi discendenti dalle famiglie Giaquinto e Cifelli. Nell’ultimo sabato di Aprile innumerevoli fedeli, provenienti anche dai paesi vicini, salgono sul colle per venerare la Vergine Santissima dell’Incoronata, la cui statua è collocata su di un ramo di quercia. Le donne accedono alla cappella recitando il rosario e, prima di entrare nella rustica chiesetta, girano tre volte intorno ad essa. Gli uomini ammirano i solchi tracciati nei campi il generosa gara dai contadini, mentre un apposito Comitato proclama vincitore colui che ha tracciato il solco più diritto. La folla è immensa. Lo scenario che si presenta alla vista è veramente suggestivo e degno delle più nobili tradizioni religiose di un popolo. Altissimi stendardi, ornati di fazzoletti e trine multicolori si levano al cielo e resistono al vento, che immancabilmente soffia, sorretti da braccia muscolose. Durante la processione precedono la statua della Vergine che, seguita dal popolo osannante, benedice i campi circostanti. Il paese in quel giorno è completamente spopolato e si rianima solo nel tardo pomeriggio allorquando, terminate le cerimonie religiose, e consumata la colazione sul grande spiazzale ricoperto d’erba, tutti ridiscendono frettolosamente la collina che non pochi risaliranno l’anno successivo.(Del Re, Vincenzo. San Bartolomeo in Galdo nei suoi aspetti storici geografici e folkloristici. Napoli : Tipografia Laurenziana. 15 marzo 1962)


Chiese, Monasteri, Clero
Delle cappelle rurali, la prima al Nord-Est del paese, col titolo dell’Incoronata , fu fondata dal sacerdote Don Nicola Reino nell’anno 1761. Il fondatore assegnava un patrimonio per la manutenzione e spese di culto. Oggi vi esercitano il diritto padronato i suoi eredi, della famiglia Giaquinto e Ciselli. Nell’ultimo sabato di Aprile innumeri fedeli dè circonvicini paesi vengono a venerare la Vergine Incoronata degli Angioli.[...](Cirelli, Filippo. “Capitanata” In Il Regno delle Due Sicilie descritto ed illustrato. Vol. VII. Napoli: Stabilimento Tipografico di Gaetano Nobile, 1853)


Dietro le quinte
Vorrei ricordare il Signor Salvatore Palmieri soprannominato "vróccl vróccl",
che realizzava le verghe sopra citate come da tradizione, cioè con le decorazioni in filo di ferro e carta.
Una lavorazione che richiedeva mesi.
Ogni sua verga, oltre ad avere un proprio nome, conteneva una precisa sequenza iconografica religiosa, raccontando il messaggio espresso dall'artista.



© Copyright 2012, all rights reserved

loading